venerdì 13 novembre 2009

Crocchette dei tre moschettieri
(ovvero a casa col Tupi homino erectus)

Domenica ho proposto al tupilotto questo piattino con le crocchette di miglio e tofu di Ricette da favola di Michela De Petris, accompagnate da zucca all'uvetta.



Ebbene... non le ha mangiate! Ho subito capito che qualcosa non andava e infatti è arrivata la febbre. Influenza porcella insomma. E scusate, ma chiamarla suina non mi riesce e visto che se l'è presa col mio porcellino che si prenda il nome che merita. Così questa settimana siamo qui fra termometri e fazzoletti, anche se per fortuna ho avuto un piccolo grande momento tutto mio che spero di potervi raccontare presto.

Il tupi è ormai un homino erectus da mercoledì 4 novembre, quando ha deciso di muovere i primi passi con due giochini in mano. E mentre ricadeva sul tappeto con il suo sederotto imbottito the pride mom se lo guardava al settimo cielo. Dopo una settimana di training l'equilibrio è quasi perfetto, anche se spero traballi ancora un po' perchè è troppo buffo vederselo arrivare in cucina con le braccine in alto come gli equilibristi e la linguetta di fuori per lo sforzo e la concentrazione.

Prima di passare alla ricetta volevo infine ringraziare Chiara Nocentini per avermi assegnato questo premio, che offro a mia volta a tutti i blog dei miei sostenitori che vorrei avere il tempo di visitare più spesso.


Crocchette dei tre moschettieri (crocchette di tofu e miglio)

Rispetto alla ricetta originale ho fatto qualche piccola variazione per assecondare i nostri gusti.

Ingredienti per 4 persone

200 gr di miglio decorticato
1 cipolla bionda
100 gr di tofu
3 cucchiai di farina integrale
prezzemolo
1 C di semi di papavero
sale integrale
olio evo

Sciacquate il miglio, tostatelo brevemente e fatelo cuocere secondo le vostre abitudini, senza farlo spappolare troppo. Bastano 15-20 minuti. Per evitare di aggiungere troppa acqua e trovarmi una polenta preferisco cuocerlo come il risotto, così posso fermare la cottura quando voglio e avere una buona base non troppo liquida. Bisogna badarlo un po', ma almeno il maritozzo non mi si lamenta.

Nel frattempo tritate finemente la cipolla e fatela cuocere cinque minuti in poca acqua. La ricetta originale prevede di usarla a crudo, ma per me rimane poco cotta e non mi piace molto. Una volta pronta scolatela bene e mettetela da parte. Prendete il tofu e sbriciolatelo finemente. E' meglio usare il tofu in panetti, perchè il silk tofu, essendo morbido, rende l'impasto molto acquoso e occorre poi più farina per amalgamare. Lavate e tritate il prezzemolo, avanzandone qualche ciuffetto per guarnire.

Quando il miglio è pronto unitevi cipolla, tofu, prezzemolo, farina e sale e amalgamate bene fino ad ottenere un composto piuttosto solido. Se è troppo liquido unite ancora della farina, ma senza esagerare.

Preriscaldate il forno a 180 gradi e preparate una leccarda con della carta da forno. Formate delle piccole polpette, adagiatele sulla carta e spennellatele con poco olio evo. Infornate e lasciate cuocere 10 minuti, quindi girate le polpette e date ancora 10 minuti di cottura. Se le volete croccantine terminate con qualche minuto di grill. Impiattate, guarnite con i semi di papavero e il prezzemolo. Se le volete più gustose potete cuocerle in padella o friggerle.

Per dare la forma alle crocchette ho usato l'attrezzo che si usa per le falafel. Mi piace da morire perchè il tupilotto ha così delle polpette ergonomiche per le sue manine ed è troppo carino quando se le pappa.

(da Ricette da Favola di Michela De Petris, Editrice Novalis, pag. 82)

17 commenti:

  1. w i bimbi che camminano! :-)
    spero si rimetta in piedi presto, tanto per rimanere in tema, dall'influenza...
    a me oggi fa male la gola... meglio oggi che qualche giorno fa... ;-)
    un abbraccio a tutti voi da tutti noi

    RispondiElimina
  2. Tappano! Spero di non avertelo attaccato io... Dai, speriamo passi in fretta che vi aspetto con la pizza del motorino :-)

    RispondiElimina
  3. Io spero di reggere: ho troppe cose da fare questa settimana, tra visite e weekend al convegno di Genova. Però sono afona e ho una tossetta che nn promette bene... :-(

    RispondiElimina
  4. Povera lanterna! Dai tieni duro...

    RispondiElimina
  5. ho un rapporto un po' strano con il miglio che riesco sempre a scuocere o a fare troppo bagnato.
    devo rimettermi d'impegno!
    ma l'attrezzo per i falafel dove lo hai scovato?

    RispondiElimina
  6. oh, piccolo tupi! tifiamo per lui, maledetta porcella! eheh (anche mia mamma la chiama così, dettaglio non trascurabile!)
    vedrai che, quando starà meglio, non esiterà di certo a papparsele, le crocchette. sembrano ottime!
    io quando iniziai a camminare mi aggrappavo ad ogni cosa che trovavo, con particolare propensione alle sedie del tinello. e sbucavo in ogniddove, tanto che i miei dovevano stare attenti quando aprivano le porte che non ci fossi io dietro a prenderle in faccia :|
    baci!
    *

    RispondiElimina
  7. Cobrizo...anche il mi rapporto con il miglio è conflittuale ma cuocendolo così andiamo più d'accordo! L'attrezzo delle falafal me lo hanno regalato anni fa, ma ricordo che comida aveva fatto un post con un link da cui forse si poteva comprarlo.

    Tartina! Il tupi sta già meglio, ora vediamo se gli viene la tosse come pronosticato dalla pediatra! Un bacio cara!

    RispondiElimina
  8. auguri di veloce guarigione per il tupi! le ricette con miglio sono le benvenute, vsito che è un cereale molto curativo che mi riprometto sempre di fare più spesso.l'attrezzo che si usa per le falafel?? lo voglio!!! non sapevo che esistesse, ma dove l'hai comprato? bacioni e have a good week! ;))

    RispondiElimina
  9. Ciao Isa,
    Spero che Tupilottino stia bene! e che i pronostici del pediatra non si siano avverati (ma che uccellaccio del malaugurio!).
    Ricordo ancora i primi passi dei miei due bimbi, Elena tardò un po' a camminare perchè la furbacchiona aveva trovato una seggiolina che usava a mo' di deambulatore, la spingeva per tutta la casa (sembrava una nonnetta eheheheh) e se ne staccava solo per afferrare gli oggetti che le interessavano!
    Buone le polpettine con il miglio le faccio spesso anche io.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. pure noi l'abbiamo avuta la porcella (la BambinaGrande, che noi pare siamo troppo vecchi per prenderla, abbiam già dato in passato) ma la tosse non le è venuta, solo pochissima. In compenso le è venuto un fetentissimo para-virus (virus parainfluenzale) con mal di pancia da cui si sta uscendo ora... (dopo 7 gg)
    In bocca al lupo e baciotti al Tupilotto deambulante!

    RispondiElimina
  11. Quando vado a Torino (tra 2 settimane, se non ci sono intoppi), vado a Porta Palazzo a cercare l'attrezzo per i felafel. Lì è pieno di negozi arabi: almeno un'indicazione me la daranno, no?

    RispondiElimina
  12. Lisette grazie! Mi fa doppiamente piacere il tuo e gli altri auguri visto che anch'io non sto benissimo (ma sono in risalita...)

    Eli chissà che buffa la tua ex piccola. Il tupi va già che è una scheggia e non si può più lasciarlo solo.

    Elena, dai un bacione alla NimbaGrande e quando si riprende anche noi stiamo meglio vediamo di incrociarci!

    Lanterna, cercalo. A me lo avevano portato dalla Siria. Alcuni sono persino mada in Italy, ma anni fa quando lo cercavo non si trovava.

    Per tutti: il mio è pressapoco come quello in nel sito già citato da comidademama:

    www.aldoukan.com
    Lebanese food Accessories falafel mold

    RispondiElimina
  13. Un rapporto conflittuale con il miglio all'attivo e nessuna esperienza di tofu. Ma le crocchette moschettiere sono carine... mi piace l'idea, ma conscia dei miei limiti non mi avventuro oltre. Influenza porcella già passata da casa nostra: un giorno di febbre, e quattro di spossatezza mai vista. Frutta e verdura a gogo, tanti liquidi e un piacevole clima di paciosità diffusa...
    Evviva il tupilotto errante!

    Sabrine

    RispondiElimina
  14. Sabrine... Il miglio è difficile, ma se riesco io a fare il pane... Il tofu ha un sapore molto neutro o, come dice il maritozzo, non sa proprio di niente... Ma è un'ottima base da insaporire, ancheper creme dolci che vengono più leggere. Ne avevo vista una al cioccolato sul New York Times dei video del Minimalist che non era niente male...

    RispondiElimina
  15. Ciao isa!!!Arrivo da te tramite Stella...ma che blog carino che hai!
    Paserò a trovarti spesso allora!
    Buona giornata
    Saretta

    RispondiElimina
  16. Ciao Isa! Un bacione a te e una schiacciatina di guance al piccolo traballante omino! Sono contenta di sapere che state meglio. Noi come salute ce la caviamo, in compenso siamo in emergenza casa. Ovvero dopo anni di attese e indecisioni l'impresa ci ha detto che tra 15 giorni potrebbe iniziare i lavori!!! Aaaaghh! Panico! Te l'immagini? Sono saltata su come se mi avesse colpito un fulmine...
    Ti terò informata. Michela

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin